Menu

Genzebe Dibaba: ancora un record stellare

Genzebe Dibaba (foto: Colombo/fidal)
Genzebe Dibaba (foto: Colombo/fidal)

Al Meeting Internazionale Sabadell, in Spagna, la mezzofondista etiope firma il miglior crono di sempre sulla distanza con 5:23.75. Primato personale sui 3000 per l’azzurro Razine, bene nei 400 metri Bazzoni

08 Febbraio 2017

Un altro primato mondiale per Genzebe Dibaba. La mezzofondista etiope ha realizzato questa sera al Meeting Internazionale di Sabadell, in Spagna, il più veloce crono di sempre sui 2000 metri indoor con 5:23.75. Battuto quindi il precedente limite di 5:30.53, stabilito dalla romena Gabriela Szabo a Sindelfingen (Germania), l’8 marzo 1998, ma il tempo di oggi è inferiore anche al record all’aperto di 5:25.36 che appartiene dal 1994 all’irlandese Sonia O’Sullivan. Adesso la fuoriclasse africana, 26 anni da compiere proprio domani, è in possesso di ben sei migliori prestazioni mondiali al coperto: infatti detiene anche quelle di 1500, miglio, 3000, due miglia e 5000 metri, oltre al record all’aperto sui 1500 metri, la specialità in cui è campionessa iridata in carica e argento olimpico.

Nella riunione spagnola, in gara due azzurri con un bel secondo posto e progresso personale per Marouan Razine nei 3000 metri. Il 25enne dell’Esercito è finito alle spalle del vicecampione europeo dei 5000 metri, Adel Mechaal: 7:48.39 per lo spagnolo e 7:50.78 per il piemontese che migliora di oltre cinque secondi il recente primato personale sulla distanza (7:56.26 il 4 febbraio a Mondeville), sfiorando l'ingresso nella top ten italiana alltime.

Stesso piazzamento per la quattrocentista Chiara Bazzoni (Esercito) in 54.39 alle spalle del 53.98 centrato dalla spagnola Laura Bueno. La velocista senese, componente della 4x400 azzurra che ha vinto il bronzo agli Europei di Amsterdam, toglie così di quasi mezzo secondo allo stagionale di 54.88 realizzato in occasione della sua prima uscita il 15 gennaio ad Ancona.

Qui tutti i RISULTATI.

(da: fidal.it)

Accedi

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?