Menu

La Boston Marathon scalda i motori

La Boston Marathon scalda i motori

Tutto pronto per la Maratona più antica del mondo. Cast stellare e l'addio di Meb Keflezighi

12 Aprile 2017

Ci siamo quasi, lunedì 17 si corre La Maratona, la più antica del mondo, quella tanto cara agli americani. Divenuta ancora più famosa (anche tra i non addetti) per il tragico attentato terroristico del 2013. Quella da tempi di qualificazione davvero impegnativi; dell'Heartbreak Hill, la famigerata e temuta salita tra il 32 e il 33 % di pendenza; quella da starting list da far impallire. E anche quest'anno non saràda meno: nonostante le rinunce di due primatisti del mondo, Dennis Kimetto (caduta in allenamento per lui e un conseguente ginocchio malandato) e Patrick Makau, la Boston Marathon di lunedì 17 aprile offre anche quest'anno un cast stellare e diversi motivi di interesse.

Presenti i vincitori di un anno fa Lemi Berhanu e Atsede Baysa, l'attenzione mediatica avrà il suo focus soprattutto sulla gara d'addio di Meb Keflezighi, personaggio leggendario e motore di riferimento di tanti runner di élite della scena statunitense. A quasi 42 anni, con l'argento olimpico di Atene 2004 e il quarto posto otto anni più tardi a Londra, l'atleta nato ad Asmara e naturalizzato statunitense chiude una carriera straordinaria che conta un successo a Boston, storico nel 2014, e uno a New York nel 2009 (con altri due podi a Central Park), per un totale di quindici partecipazioni nelle due più grandi maratone in terra d'America. Tra gli altri top-runner, impossibile non nominare Emmanuel Mutai, Sammy Kitwara, Yemane Tsegay e le altre favorite femminili Gladys Cherono, Edna Kiplagat, Caroline Rotich e Buzunesh Deba.

Accedi

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?